L'alcool fa ingrassare e quanto?

Autore: aria (Mer, 27/01/2010 17:08)

volevo chiedere fino a quanto si può bere senza rischiare di ingrassare e quante calorie dà l'alcol. c'è differenza tra vino, birra e liquori vari? grazie!!

share
STAMPO LA NOTIZIA image
INVIO VIA E-MAIL image
wow! quanta attenzione e
aria

wow! quanta attenzione e precisione nelle risposte! e chi se l'aspettava! io pensavo che mi avreste lasciata sbattere....! adesso quando prendo un bicchiere posso fare l'analisi chimica di quello che c'è dentro! :)) allora quasi quasi vi faccio un'altra domanda che ho in mdnte da un sacco di tempo... ;)

l'alcool fa ingrassare?
ecsedelweiss

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:"Times New Roman";}

Consumi raccomandati
La quantità di vino di media gradazione che può essere consumato in una giornata da un individuo sano e adulto, senza incorrere in inconvenienti, è circa 2 cl per ogni chilogrammo di peso corporeo.

SUPERALCOLICI, bevande superalcoliche e assorbimento dell'alcool
Sono considerati superalcoliche tutte le bevande il cui contenuto di alcol supera il 21 per cento. Possono essere classificate in tre gruppi:
Bevande alcoliche fermentate da mosti come vino e birra..
Bevande alcoliche estratte dalla distillazione dei mosti fermentati di frutta o di cereali, acquavite.
Liquori, contenenti alcol in diverse gradazione, zuccheri in percentuale variabile e aromatizzati con estratti o essenze.
L'alcool contenuto si misura in gradi. L'azione principale svolta dalle bevande alcoliche è dovuta soprattutto all'alcool etilico che esse contengono. Gli effetti di questo sull'organismo si verificano subito dopo l'ingestione e variano in rapporto a diversi fattori che ne condizionano sia la concentrazione nello stomaco, sia la velocità di assorbimento che è, comunque, pressoché immediata. Il 20% avviene nello stomaco e l'80% nel duodeno. I principali di questi fattori sono: la quantità, le modalità di assunzione, il grado alcolico, la presenza o meno di cibo nello stomaco. Se la bevanda è a bassa gradazione alcolica, se è ingerita a dosi frazionate, in piccole quantità, durante il pasto e se questo contiene una discreta quantità di grassi, la concentrazione di alcool nello stomaco risulta modesta e tale da stimolare la secrezione di acido cloridrico. Quando la concentrazione è eccessiva e supera il 10%, la secrezione gastrica viene bloccata. Riguardo all'assorbimento, questo è tanto più rapido quanto maggiore è la quantità di alcool ingerita, se questa viene assunta tutta in una volta, se il grado alcolico della bevanda è elevato, se lo stomaco è vuoto.
Dopo essere assorbito, l'alcol passa rapidamente nel sangue, raggiunge il fegato, passa nuovamente al sangue e raggiunge vari organi. Una piccola parte è eliminata attraverso la respirazione (alito), le urine ed il sudore. La restante parte subisce, soprattutto nel fegato ad opera di un enzima (alcol-deidrogenasi), trasformazioni chimiche che danno luogo al prodursi di acqua e anidride carbonica, subito allontanate dall'organismo. Da tali trasformazioni si libera energia calorica e, da ogni grammo di alcool ingerito, si ottengono circa 7,3 calorie. Non essendo l'organismo in grado di immagazzinarlo nei tessuti di deposito, tutto l'alcool ingerito, se non è eccessivo, viene utilizzato per soddisfare i bisogni energetici immediati. Se la quantità introdotta è eccessiva, una parte di alcol sfugge alle normali trasformazioni e vengono a prodursi sostanze tossiche che provocano gravi conseguenze sulla salute.
Sebbene l'alcool sia una sostanza che non si deposita, il suo pronto utilizzo non consente l'utilizzazione delle sostanze energetiche presenti nel pasto (glicidi, lipidi). Questo risparmio si traduce in un accumulo delle sostanze alimentari non utilizzate, che, dopo un transitorio aumento della trigliceridemia post-prandiale, vanno a depositarsi sotto forma di trigliceridi nel tessuto grasso. Per questo motivo gli alcolisti sono magri, consumano molto alcool e mangiano poco cibo. Ciò che fa ingrassare è proprio l'associazione di alcool con quantità importanti di alimenti energetici.
Nell'individuo adulto è considerata tossica la quantità di alcool che supera grammi 1-1,5 per kg di peso corporeo nelle 24 ore, oppure che determina una alcolemia, un tasso di alcool superiore a grammi 1-1,5 per litro di sangue. Al di sotto di questa quantità l'alcool non provoca apparentemente nessun fenomeno. Il coma sopraggiunge dopo i primi sintomi di ebbrezza e dopo che questa diviene inequivocabilmente manifesta. Una buona regola è non ingerire mai quantità di alcool che possano avviare ebbrezza nell'organismo, nemmeno solo iniziale. Inoltre non è esatta l'affermazione che i superalcolici sono controindicati e le sostanze a a bassa gradazione sono ammesse. E' solo questione di dosi, cioè di grammi di alcool in rapporto al peso corporeo.
La tolleranza all'alcool. Alcune persone pare tollerino meglio di altre le bevande alcoliche. Tali persone sopportano cospicue quantità di alcool, senza presentare effetti esteriori immediati e devono questa caratteristica unicamente alla presenza nel fegato di notevoli quantità di alcol deidrogenasi, che tuttavia non sono sufficienti ad evitare gli effetti tossici sui diversi organi, per introduzione di eccessive quantità di alcol. L'alcol infine provoca un aumento della dispersione di calore e favorisce il raffreddamento corporeo; a temperature esterne molto basse, forti dosi possono causare l'assideramento.

 

L'alcool fa ingrassare e quanto?
freemindx

L'alcol non fa ingrassare direttamente ma poichè è una fonte energetica facilmente assimilabile, viene metabolizzato prima dei grassi che di conseguenza si accumulano.
L’alcol apporta 29 kJ/g (7 kcal), una quantità di energia notevole per i bevitori abituali. Alcune bevande alcoliche (vini dolci, aperitivi, birre ecc.) contengono inoltre degli zuccheri: ogni grammo di zucchero contenuto in queste bevande apporta altre 17 kJ (4 kcal).
Es:
2 bicchieri di vino secco forniscono 565 kJ (135 kcal), 25 cl di birra 525 kJ (125 kcal), mentre un bicchiere (5 cl) di aperitivo tipo porto, moscato o vermouth apporta, in media, 315 kJ (75 kcal).

 

Ps:1bicchierino ogni tanto non fa ingrassare e poi da un pò di brio alla vita :)

c'è anche da dire che 2
maramark

c'è anche da dire che 2 bicchieri di vino , 1 lattina di birra , 1 biccherino di grappa possono dare seri problemi ad un posto di blocco

 : (

grazie! eviterò le sbronze!
aria

grazie! eviterò le sbronze!

vino
silvia.b

Gentilissima

ti consiglio di non superare 1-2 bicchieri di vino al giorno (non solo per controllare il peso ma anche per la salute!). Per bicchiere di vino intendo 125 ml.

Ragionando a porzione: n.1 bicchiere di vino da 125 ml apportano circa 84 kcal, n.1 lattina di birra (330 ml) circa 92 kcal, e un bicchierino di grappa (da 40 ml) circa 94 kcal.

 

 

Per scrivere un messaggio:

effettuo l'accesso

oppure

apro un nuovo account

oppure

Effettuo l'accesso con il mio account di Facebook

Cerco in FitnessPeople

image